martedì 29 maggio 2018

Per quanto voi vi crediate assolti siete lo stesso coinvolti

"Storia di un impiegato" è uno spettacolo tra musica e teatro. È la storia di un impiegato scontento e insoddisfatto del suo lavoro e della sua vita. Si sente incastrato in sovrastrutture sociali e aziendali e non vede prospettive future.
È un album di De André del 1973, ma è stato rivisitato e attualizzato dal drammaturgo Antinolfi per la regia di Leschiera. Quindi, in questo caso, si passa dalla riunione e dallo schedario, alla call schedulata e al database.
Sono passati 45 anni ma stupisce, con amarezza, quanto le sensazioni siano, anche oggi le stesse. Quel senso di sconforto, di inadeguatezza, di insoddisfazione dell'impiegato in primis, dell'individuo poi, che si sente solo, bloccato in un ufficio, in un contratto, in un lavoro...
Nell'opera, un impiegato mediocre racconta in prima persona il suo tentativo di ribellione nelle piccole battaglie quotidiane, delle sue sconfitte...e del senso inaspettato e paradossale di rivalsa finale.
"Storia di un impiegato" è un'opera leggera, ma allo stesso tempo, un macigno di verità.
È stato catartico, quasi doloroso, vederla di lunedì.
Un altro maledetto lunedì del tran tran dell'impiegato, l'inizio di un altro giro sulla ruota del criceto.
Fa riflettere con arte, soprattutto grazie alla squisita interpretazione musicale della band, specialmente del maestro Walter Bagnato, pianista eccezionale con una voce calda e profonda niente male!
Credo che possa dare uno spunto in più per trovare il coraggio di prendere in mano la propria vita e farne un capolavoro!
Mi dispiace, per voi, che sia rimasta solo la replica di oggi (martedì 29 maggio) al Teatro Libero.
Io se fossi in voi...ci andrei!

venerdì 4 maggio 2018

Poliedrico attimo

Vivo in mille dimensioni,
in uno spazio sinestetico
con un orizzonte di silenzio dorato

M'arrabatto tra i banchi del mercato
alla ricerca dell'essenziale
tra cassette di frutta vuote e voci ormai roche

Filari di alberi con le chiome ingiallite
mi accompagnano
tra gli ultimi raggi di sole

Mentre le prime ombre della sera
giungono
nella piazzetta di ciottoli
il passo lento e meditato
timbra la brezza del crepuscolo

Ciuffi d'erba secca
rotolano
per strade polverose e senza nome.
All'improvviso scorgo
un fiore nelle pieghe dell’asfalto:
un’eccedenza del cuore
a riannodare la trama della mia esistenza.

venerdì 27 aprile 2018

Pensieri trascendenti

Nella testa ho un cecchino
che non spara
prende solo la mira.
Al confine tra aria e luce
con i suoni del deserto
e il rumore del mare
Ascolto i pensieri
tra ricordi e paure.
Tu che ti svegli presto
ogni mattina
per sistemarmi l'alba
con le preghiere in cui tu credi
e io no
brutta cosa questa retrospettiva
Resisti,
delicato sguardo,
morbido cuore.
Oggi
ci siamo dati il cambio
per accudire le nostre anime.

mercoledì 18 aprile 2018

Parole


Cercale nell'intensità
della tua mente,
nei meandri della tua tristezza.

Cercale
con la stessa impazienza
che c'è nel guardare
la pioggia sul parabrezza,
che incurante delle targhe alterne
fa a pugni con le polveri sottili.

Tra sogni di giorni di quiete,
una manciata di fotogrammi
e un'eco lontana

Io,
seduta sul
davanzale del mondo
non credo più
sia poi così rotondo 
e scrivo

Scrivo su pagine bianche
con l'inchiostro di un attimo
cercando i sospiri
di chi come me
respira emozioni.

I pensieri precipitano
leggeri
in futuri paradossi
di parole vane.

La poesia è solitudine
tra i pensieri degli altri.

Per quanto voi vi crediate assolti siete lo stesso coinvolti

"Storia di un impiegato" è uno spettacolo tra musica e teatro. È la storia di un impiegato scontento e insoddisfatto del suo lavo...