venerdì 11 dicembre 2015

Classico post di fine anno

Di solito a fine dicembre si fa un resoconto dell’anno appena trascorso e si stilano i buoni propositi per l’anno che verrà.  
Di solito si parla di mettersi a dieta, andare in palestra, spendere meno, smettere di fumare, smettere di bere, leggere di più, stressarsi di meno…e altri classici del cinema fantasy.
Ma alla fine si sa, i buoni propositi restano tali e verranno riproposti esattamente allo stesso modo, se non incrementati dopo 365 (quest’anno 366) giorni.
Il fatto che oggi sia l’11 dicembre e io stia già parlando di fine dicembre è solo indice della mia voglia di Natale e di ferie.
Sta di fatto che il 2015 volge davvero alla conclusione e il 2016 si avvicina prepotentemente. È passato un altro anno e diventiamo tutti più vecchi e più saggi.
Ci sono i discorsi ben articolati, poi c'è la sincerità sgrammaticata delle emozioni.
Ovviamente io non so fare un discorso articolato.
Vorrei dire tante cose.
Vorrei ringraziare a una a una tutte le persone, che hanno contribuito a rendere il mio 2015 un anno pieno di belle emozioni.
Qualcuno un po' di più, ma lo sa. Qualcuno un po' meno e probabilmente non lo sa.
Vi voglio bene perché mi capite senza che io dica niente, altri non capirebbero nemmeno se gli dicessi tutto.
Mi fate sentire libera di essere me stessa.
Come quando da bambina indossavo le scarpe con i tacchi di mamma. E penso non si possa descrivere in altro modo, l'amore.
Ci sono pensieri che hanno un preciso tono di voce, i miei, adesso sono sussurrati come la buonanotte.
So che il 2016 sarà migliore del 2015, altrimenti a che serve andare avanti?
Io ci credo.
La parola del mio 2016 sarà resilienza, scoperta da poco grazie a Severgnini.
La resilienza è la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi, un modo più aulico e fico per dire “quello che non uccide ti fortifica!”.
Io non sono una di quelle che pensano che le cose succedano per caso ma nemmeno una di quelle che studiano la chiave per inserirla nella serratura al primo colpo.
Però ora ho deciso che voglio essere ottimista a tutti i costi: se sei ottimista il tuo focus è sulle possibilità e non sui problemi e gli errori, non sono errori, ma, costanti e ostinati, tentativi di crescere. E' tutta una questione di punti di vista.
Anche se a furia di guardare il bicchiere  mezzo pieno: mi è venuta sete!






Nessun commento:

Posta un commento

Lieve leggerezza

Lassù la limpida luna luccica languidamente, limita la lontananza Lungo la loggia, Leggere lucine le lacrime lungo le labbra lungame...